Juni 13, 2021
Von Freie ArbeiterInnen Union (FAU)
256 ansichten


In cammino contro la guerra e per l’internazionalismo in azione!

La FAU (anarcosindacato tedesco) sta attualmente partecipando a una grande delegazione internazionale nella regione autonoma del Kurdistan (Iraq settentrionale). La ragione di ciò sono i continui crimini contro i diritti umani, le azioni militari e le provocazioni del governo turco e del regime di Barzani, che è vicino a lui¹, così come il peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori nella regione.

Come federazione sindacale internazionalista, siamo al fianco dei lavoratori e dei contadini di tutto il mondo e contro la dittatura turca, che sta coprendo tutta la regione del cosiddetto Medio Oriente con la guerra, la distruzione della natura e l’oppressione politica.

Contesto

Il regime turco del dittatore Recep Tayyip Erdoğan sta portando avanti una politica di annessione e pulizia etnica². Il più grande contrappeso a questa politica di guerra razzista è il movimento comunalista³. Questo movimento è organizzato in Turchia, Siria e Iraq ed è sostenuto principalmente dai curdi, ma anche da yezidi, arabi, turkmeni, assiri e membri di molte altre comunità che insieme formano un progetto multietnico.

In Iraq, la Turchia sta attualmente cercando di prendere il controllo delle aree che le organizzazioni comunaliste hanno dovuto lasciare, così come le zone di confine con la regione amministrata dai comunalisti nel nord e nell’est della Siria (nota anche come Rojava). Così, Erdoğan esegue regolarmente bombardamenti in territorio iracheno contro presunti o reali rivoluzionari. Allo stesso tempo, il clan Barzani e lo stato turco stanno espandendo la loro presenza militare in queste zone. Negli ultimi mesi sono state stabilite più di 40 basi militari e migliaia di soldati sono stati trasferiti nella regione. 

Con gli attuali attacchi e bombardamenti, la Turchia sta cercando di provocare una guerra interna curda tra i comunalisti e il regime di Barzani, che dipende economicamente dalla Turchia. Questa tattica ha lo scopo di indebolire la resistenza curda contro la Turchia, tagliando le vie di rifornimento al nord-est della Siria e legittimando un’occupazione turca di parti dell’Iraq.

Comunalisti e sindacalisti di tutto il mondo fianco a fianco

La comunità mondiale sta affrontando problemi drammatici e improrogabili. La catastrofe climatica, il rafforzamento di dittature come quella cinese o di movimenti di destra, l’espansione della tecnologia di sorveglianza e le conseguenze economiche e sanitarie della pandemia di Corona ci minacciano tutti. 

Per contrastare questa miseria con alternative sociali ed ecologiche al di là dello sfruttamento e della dominazione straniera, le forze emancipatrici e i movimenti sociali di tutto il mondo devono lavorare insieme. Il quadro di riferimento delle nostre azioni deve essere globale. Per questo motivo, l’UAF si vede profondamente legata ai comunalisti del Medio Oriente, così come agli zapatisti del Messico e ai sindacati rivoluzionari di tutto il mondo.

Con la nostra presenza in Iraq, vogliamo fare la nostra parte per fermare le invasioni turche in Siria e Iraq e sostenere il concetto di comunalismo con la solidarietà internazionale. 

Chiediamo a tutti i lavoratori umanisti e internazionalisti e ai sindacati di tutto il mondo di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sui conflitti e sui movimenti in Medio Oriente. Vi chiediamo di tradurre i testi, di educarvi alla solidarietà critica e di discuterli con i vostri colleghi e compagni.

In solidarietà senza frontiere,

Delegazione FAU,

Erbil, Iraq, 10 giugno 2021.

Note

¹ La famiglia Barzani detiene diverse posizioni di alto livello nella regione autonoma del Kurdistan, nel nord dell’Iraq e ha un controllo significativo sul settore privato regionale. Ha ripetutamente impedito lo svolgimento di elezioni.

² Esempi ne sono la pulizia etnica delle città curde in Turchia dal 2015, le guerre di aggressione contro l’amministrazione autonoma nel nord e nell’est della Siria, che violano il diritto internazionale, e il sostegno alla guerra di aggressione dell’Azerbaigian contro il Nagorno-Karabakh.

3Il confederalismo comunalista è un movimento impegnato nei valori della democrazia di base, dei diritti delle donne e delle minoranze e dell’ecologia, che mira a porre il principale potere di decisione sociale nelle assemblee di base e nei comitati comunali.




Quelle: Fau.org